Archivio mensile:Maggio 2016

IMU – TASI le novità 2016

le novitaCon la Legge di Stabilità 2016 (Legge 28 dicembre 2015, n. 208 – G.U. n. 302 del 30/12/2015, S.O. n. 70) sono state apportate importanti variazioni in particolare per TASI su abitazione principale ed IMU su terreni agricoli.

Aliquote IMU Comune di PIzzoli a decorrere dal 2015:
Abitazione principale e relative pertinenze solo categorie (A/1, A/8 e A/9) di LUSSO 4,0  ‰
Altri  fabbricati (diversi dall’abitazione principale) 8,6 ‰
Aree  fabbricabili 8,6 ‰

Aliquota TASI Comune di PIzzoli a decorrere dal 2015:

Uica, per tutti gli immobili ed aree edificabili 2,0 ‰
novita 21) Abolita la Tasi su Abitazioni principali

Abolita la Tasi sugli immobili residenziali adibiti ad abitazione principale, ad esclusione degli immobili di particolare pregio, ville e castelli. La Tasi viene abolita anche per gli inquilini affittuari che detengono un immobile adibito a prima casa. Esenti dal pagamento della Tasi 2016 anche le pertinenze dell’abitazione principale, sempre nei limiti fissati dal 2012. Rimane invece in vigore la TASI per le abitazioni principali di lusso (Cat, A1, A8 e A9).

2) Sugli immobili locati a canone concordato i proprietari verseranno IMU e Tasi ridotta del 25%.

Per gli immobili locati a canone concordato di cui alla legge 9 dicembre 1998, n. 431, l’imposta, determinata applicando l’aliquota stabilita dal comune, è ridotta al 75 per cento.

3) Per le abitazioni date in comodato d’uso gratuito a figli o genitori che lo utilizzano come abitazione principale l’IMU è ridotta del 50 %;

Le condizioni per usufruire di questi benefici sono:

  • L’immobile deve essere adibito ad abitazione principale
  • L’immobile non deve appartenere a una delle categorie catastali di lusso (A/1, A/8, A/9)
  • Il contratto di comodato deve essere regolarmente registrato
  • Il comodante:
    • deve possedere un solo immobile in Italia oltre all’abitazione principale non di lusso sita nel territorio in cui è ubicato l’immobile concesso in comodato;
    • deve risiedere e avere la sua dimora abituale nello stesso Comune in cui l’immobile è concesso in comodato;
    • deve presentare la dichiarazione IMU che attesti il possesso dei requisiti

La Registrazione dei Contratti di Comodato può essere effettuata entro il 1 Marzo 2016, ed usufruire comunque dell’agevolazione di riduzione della base imponibile IMU al 50% a far data dal 1 gennaio 2016.  Qualora la registrazione del contratto di comodato sia successiva al 1 Marzo 2016, l’agevolazione sarà valida per le mensilità successive alla data di registrazione

Casi di non applicabilità della riduzione:

  • se si possiedono 3 (o più) immobili ad uso abitativo (per intero o in percentuale) non si può applicare la riduzione
  • se i due immobili ad uso abitativo si trovano in due comuni diversi non si può applicare la riduzione
  • se si risiede nel Comune A e l’immobile è situato nel Comune B (diverso dal Comune A) non si può applicare la riduzione
  • se si risiede all’estero non si può applicare la riduzione
  • se l’immobile dato in comodato non viene utilizzato come abitazione principale del comodatario non si può applicare la riduzione
  • se il comodato è tra nonni e nipoti non si può applicare la riduzione
4) Terreni agricoli

Dal 2016 per determinare l’esenzione dall’ IMU prevista per i terreni agricoli ricadenti in aree montane o di collina si applicano i criteri individuati dalla circolare del Ministero delle finanze n. 9 del 14.6.’93. Sono, inoltre, esenti dall’IMU i terreni agricoli:

  • Posseduti e condotti dai coltivatori diretti e dagli imprenditori agricoli professionali, iscritti nella previdenza agricola, indipendentemente dalla loro ubicazione;
  • Ubicati nei comuni delle isole minori;
  • Immutabilmente destinati all’agricoltura, alla silvicoltura e all’allevamento di animali con proprietà collettiva indivisibile e inusucapibile.

RICORDIAMO CHE  SEGUITANO A VERSARE L’IMPOSTA (IMU)

  • TUTTI GLI (ALTRI FABBRICATI) ED (AREE EDIFICABILI)
  • LE (ABITAZIONI PRINCIPALI E RELATIVE PERTINENZE) NELLE CATEGORIE CATASTALI (A/1 – A/8 – A/9) di lusso.

I VERSAMENTI (IMU-TASI) devono essere effettuati: Accondo 50% entro il 16 giugno 2016 –  saldo con conguaglio entro il 16 dicembre 2016.

PER FACILITARE IL CITTADINO, SUGGERIAMO IL CALCOLO ON-LINE IMU e TASI
novita 3   LINK CALCOLATORE

 

 

novita 4                  LINK CALCOLATORE

DI COSA SI E’ DISUSSO NEL CONSIGLIO COMUNALE Di Giovedì 6 Maggio 2016

comune

ORDINE DEL GIORNO

1) Delibera di Giunta Comunale n° 24/2016 con oggetto “Rettifica e Chiarimenti Saldo Gestione Residui 2014”. Ratifica;
2) Delibera di Giunta Comunale n° 61/2016 con oggetto “Art. 175 D.Lgs. 267/2000. Variazione di Bilancio di Previsione 2016-2018. Ratifica;
3) Art. 227 D.Lgs. 267/2000 Approvazione Conto Consuntivo 2015;
4)  Regolamento Comunale “Diritto di Interpello”. Approvazione;
5) Richiesta Sdemanializzazione Terreno fg. 26 n° 284 e 325. Ditta Salvemme Anna, Giovannino, Marina e Sette Mario;
6)  Richiesta Sdemanializzazione Terreno fg. 20 n° 216/parte. Ditta Farda Domenico;

 1) DELIBERA G.C. N. 24 DEL 16.2.2016 CON OGGETTO “RETTIFICA E CHIARIMENTI SALDO GESTIONE RESIDUI 2014 “. RATIFICA.

Si prende atto di un errore nel saldo gestionale residui 2014. Per l’annualità 2014 i residui gestionali risultano essere pari ad € 102.772,64 e non di € 91.827,60.

 2) DELIBERA G.C. N. 61 DEL 18.4.2016 CON OGGETTO “ART. 175 D.LGS 267/2000.  VARIAZIONE AL BILANCIO DI PREVISIONE FINANZIARIO 2016-2018”. RATIFICA    

Le variazioni più significative apportate al bilancio di previsione con la delibera di Giunta Comunale n. 61 si sono rese necessarie per far fronte ad  alcuni interventi programmati di manutenzione, conservazione e restauro di edifici di proprietà dell’Ente:

  • MANUTENZIONE STRAORDINARIA MAP CAP U 3225.6   € 41.208,3 finanziamenti erogati dal Dipartimento di protezione civile per la gestione della ricostruzione (UTR);
  • RESTAURO E RISANAMENTO CONSERVATIVO EX FORNO COMUNALE CAVALLARU € 87.000,00. FINANZIAMENTI SISMA UTR
  • RESTAURO E RISANAMENTO CONSERVATIVO DEL FONTANILE COMUNALE IN VIA DELLA FONTANA, € 76.322,9 FINANZIAMENTI SISMA UTR
  • FINANZIAMENTO CONI PER IMPIANTO SPORTIVO “edilizia sportiva” € 50.000,00 e conseguente accensione di mutuo CREDITO SPORTIVO PROGETTO IMPIANO SPORTIVO € 50.000,00;

Sono anche state rimodulate alcune uscite:

  • IL PROGETTO PIZZOLI COMUNE DIGITALE ha avuto un decremento di  € -15.000,00;
  • un aumento hanno avuto le uscite riferite a TRANSAZION per €  + 20.000,00;
  • un aumento hanno avuto le uscite riferite a SPESE PER CONVEGNI, CONGRESSI, MOSTRE E MANIFESTAZIONI CULTURALI ORGANIZZATE DAL COMUNE di € 15.000,0;
  • uno stanziamento è stato previsto per l’AFFIDAMENTO A DITTA ESTERNA PER ATTIVITA’ DI ACCERTAMENTO TRIBUTI pari ad € 18.000,00.

 Dal lato delle entrate si evidenzia:

il sopravvenire di alcune entrate derivanti dalla gestione dei beni dell’Ente;  il Fondo di solidarietà comunale, nonché i relativi meccanismi di calcolo e rimodulazione delle previsioni di entrata riferite all’Imu, alla Tasi ed al Fondo di solidarietà Comunale. (maggiori dettagli: www.insiemeperpizzoli.it)

 3) ART. 227 DLGS. 267/2000 APPROVAZIONE CONTO CONSUNTIVO ANNO 2015

Si è approvato, il rendiconto della gestione relativo all’esercizio finanziario 2015, composto dal conto del bilancio, conto economico e stato patrimoniale. IL RENDICONTO SI CHIUDE CON UN AVANZO DI AMMINISTRAZIONE DI  Euro 133.539,0.

RIPORTIAMO IL PARERE DELL’ORGNO DI REVISIONE

L´ORGANO DI REVISIONE 

Certifica  la conformità dei dati del Rendiconto con quelli delle scritture contabili dell’Ente e in via generale la regolarità contabile e finanziaria della gestione;

Esprime parere favorevole per l’approvazione del Rendiconto per l’esercizio finanziario 2015, invitando tuttavia gli organi dell´Ente a tener conto delle osservazioni e dei rilievi avanzati con la presente relazione, con particolare riguardo a quelli contenuti a pagg.12 e 36 (utilizzo della cassa vincolata) ed a pag. 24 (recupero evasione).

pagg.12 e 36 (utilizzo della cassa vincolata)  Referto per gravi irregolarità L´Organo di revisione evidenzia al Consiglio che l’ammontare dei residui passivi di parte capitale (euro 6.684.187,74), ridotto dell’ammontare dei residui attivi di parte capitale (euro 1.259.608,69) ammonta ad Euro 5.454.579,05 e che detto importo è superiore alla giacenza di cassa al 31.12.2015 pari ad Euro 5.033.775,86. Ne consegue che le risorse giacenti in cassa non sono sufficienti alla copertura del fabbisogno discendente dagli impegni assunti con vincolo di destinazione. Ciò è sintomo dell’utilizzo di risorse vincolate per fronteggiare la spesa corrente.

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DELLA GIUNTA L´Organo di revisione attesta: – che, tenuto conto di quanto previsto dall’art. 231, del Tuel, dallo Statuto e dal Regolamento di contabilità dell’Ente, essa esprime valutazioni sugli scostamenti in termini quantitativi ma non fornisce giustificazione degli stessi in termini qualitativi dandone le opportune motivazioni;  ……. – che alla stessa non sono allegate le relazioni dei Responsabili dei Servizi a cui è stata affidata all’inizio o nel corso dell’esercizio, la gestione.

pag. 24 (recupero evasione) Con il bilancio di previsione 2015 …….. l’Organo esecutivo ha manifestato la volontà di intraprendere una più incisiva azione di gestione delle entrate proprie finalizzata al mantenimento dell’equilibrio nel medio/lungo periodo. Ciò ha fatto agendo su due fronti: il primo, di effetto immediato, mediante innalzamento delle aliquote dei tributi locali e istituzione dell’addizionale comunale irpef; il secondo, di più lungo respiro, mediante una nuova organizzazione degli uffici idonea alla gestione del recupero dell’evasione. È evidente che i risultati questa seconda fase daranno i loro frutti in tempi più lunghi. È però opportuno evidenziare ulteriormente che una parte della cosiddetta evasione, che in realtà sarebbe più opportuno qualificare come mancata riscossione, ovvero l’introito di quei tributi che risultano oggettivamente dichiarati all’Ente e che il contribuente, per varie ragioni, anche legate all’attuale momento di crisi che si protrae da oltre un lustro, non ha potuto/voluto versare. Ebbene, una consistente fetta di queste entrate si annida nei residui attivi relativi ai capitoli accesi alla IUC. Su questo dato si ritiene opportuno soffermarsi brevemente per riferire al Consiglio che, nel corso del 2015, l’Ente ha riscosso 216.000 Euro su 247.000 a titolo di residui TARSU 2012, oltre a 103.000 su 189.000 di residui TARI.

Questo, però, non può che essere il passo d’inizio di un percorso più lungo e articolato di natura strutturale che dovrà/potrà consentire all’Ente il mantenimento degli equilibri nel medio/lungo periodo. Pertanto si invita l’Ente a proseguire con sempre maggior vigore sulla strada intrapresa.

 4) REGOLAMENTO COMUNALE “DIRITTO DI INTERPELLO”. APPROVAZIONE

Si è approvato il Regolamento comunale sul diritto d’interpello, concernente in “Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente”. Il diritto di interpello consente a ogni contribuente di chiedere un parere in ordine alla applicazione delle disposizioni tributarie di incerta interpretazione riguardo un caso concreto e personale nonché di chiedere chiarimenti in ordine alla corretta qualificazione di fattispecie sempre che ricorra obiettiva incertezza. Il diritto di interpello consiste nella possibilità per il contribuente di inoltrare al Comune specifiche istanze riguardanti l’applicazione delle disposizioni tributarie a casi concreti e personali.

5) RICHIESTA SDEMANIALIZZAZIONE TERRENO FG. 26 NRI 284 E 325. DITTA  SALVEMME ANNA, GIOVANNINO, MARINA E SETTE MARIO

Il consiglio esprimere parere favorevole sul mutamento di destinazione d’uso delle particelle di terreno site nel territorio comunale di Pizzoli ed identificate al Fg. 26 n.ri 284 e 325, avente superficie complessiva di circa are 02.70 e quindi all’alienazione dei terreni gravati da uso civico in favore dei Sigg.ri: Salvemme Anna nata, Salvemme Giovannino, Salvemme Marina,  Sette Maria. Di imporre agli acquirenti il pagamento, contestuale alla stipula dell’atto di alienazione, della somma di € 5,00/mq.

 6) RICHIESTA SDEMANIALIZZAZIONE TERRENO FG. 20 N. 216/PARTE. DITTA  FARDA DOMENICO

 RINVIO