Archivio mensile:Novembre 2016

risposta

Mi trovo costretto a  ribadire alcuni concetti già espressi: il dialogo, in democrazia, andrebbe  argomentato sui contenuti, dovrebbe essere rispettoso, costruttivo e non dovrebbe trasfigurare e manipolare le altrui dichiarazioni. Ognuno di noi dovrebbe fare uno sforzo per  conformarsi a questo modo di fare perché soltanto in questo modo la democrazia ne verrebbe arricchita e non svilita.

La maggioranza manifesta costantemente insofferenza nei confronti del lavoro dell’opposizione che vede  come una inutile presenza di disturbo, in realtà è un preciso compito della minoranza vigilare, stimolare e controllare. Ci è stato detto che forse ancora “non riusciamo ad accettare la volontà popolare” ma ci tengo a ribadire che la lista civica “Insieme per Pizzoli” è ben soddisfatta del risultato ottenuto: 962 cittadini ci hanno dato fiducia pur essendo il nostro gruppo costituito, per lo più, da candidati alla prima esperienza politica; ricordiamo  che la lista “Intesa Democratica” nel 2015 ha visto precipitare i propri consensi dal 62,6 % del 2004 e 80,5%  del 2010 al 54,5%.

Tornando all’articolo che ha suscitato la reazione della maggioranza e in particolare alla frase “Ci saremmo aspettati un Avviso Pubblico trasparente per l’affidamento dell’incarico (co.co.co.), con valutazione dei curricula e delle esperienze dei vari candidati. Questa modalità di selezione avrebbe permesso ai giovani del nostro territorio di partecipare lasciando al Sindaco, comunque, una scelta discrezionale e fiduciaria in base ai titoli presentati”.

Siamo convinti di quello che abbiamo scritto, non ci siamo sbagliati, e siamo a conoscenza delle norme: siamo stati i primi a riconoscere che l’operazione è stata fatta nella legalità.

Ma la domanda che noi nuovamente poniamo è: si poteva fare diversamente? Si poteva ricorrere ad un Avviso Pubblico trasparente come  altri sindaci in casi analoghi hanno fatto?

In un eventuale avviso pubblico aperto a tutti si poteva ricercare: competenza, esperienza lavorativa e/o professionale coerenti con la funzione da svolgere. Aggiungiamo, ma questo per eccesso di zelo, che la valutazione dei curricula poteva essere fatta dal responsabile dell’ufficio e poteva essere seguita dal colloquio con il Sindaco.

Il fatto è che noi crediamo che ogni qualvolta sia possibile, anche quando le norme non lo impongono, dovremmo sforzarci di rafforzare la trasparenza dell’azione amministrativa e ridurre la sindrome di onnipotenza che può colpire tutti sia maggioranza che opposizione.

Forse siamo ingenui e potreste accusarci di atteggiamenti idealistici ma consideriamo la politica come l’esercizio di un servizio e non di un potere.

Articolo di  Insieme per pizzoli “Essere nella legalità spesso non significa avere un comportamento etico”

Articolo di Intesa Democratica

COME VOLEVASI DIMOSTRARE

scrutatori

Come volevasi dimostrare la maggioranza non ha voluto sposare la nostra mozione proponente un codice di autoregolamentazione per la commissione elettorale che prevede, per la scelta degli scrutatori, il sorteggio tra gli interessati (iscritti all’albo). Metodo di certo più equo ed eticamente corretto rispetto alla nomina a discrezione dei membri della commissione che è la prassi attuale.

Come volevasi dimostrare la maggioranza ha osteggiato la nostra proposta per partito preso, argomentando con frasi di circostanza prive di logica e sentimento. Nonostante la mozione non sia passata noi del gruppo di minoranza “Insieme per Pizzoli” abbiamo intenzione di continuare sulla strada proposta. Per quanto ci riguarda ogni qual volta saremo chiamati a selezionare gli scrutatori adotteremo il metodo del sorteggio e, quando finalmente nel 2020 saremo alla maggioranza, inseriremo questa metodologia di selezione come prassi. Di tutta questa triste storia resta il conforto e il sostegno di tutti i cittadini e i ragazzi che hanno sposato questa proposta, mostrandosi entusiasti e spendendo parole di apprezzamento.
Alla luce di tutto ciò invito tutti gli interessati a partecipare all’estrazione dei fortunati vincitori della lotteria “COERENZA E COMMISSIONE ELETTORALE” (dove saranno sorteggiati gli scrutatori di nostra competenza per il referendum del 4 dicembre 2016) sabato 12 novembre 2016 alle ore 11.30 del mattino, presso l’area verde di San Lorenzo. Non mi dilungo oltre, vi ringrazio per la cordiale attenzione! Consigliere Gianluca Sette.

Essere nella legalità spesso non significa avere un comportamento etico

eticaCome sempre vi raccontiamo i fatti

1)  La Sig. Laura Ioannucci, in qualità di collaboratore coordinato e continuativo nell’ Ufficio Ricostruzione del comune di Pizzoli, ha presentato le proprie dimissioni con nota acquisita dal protocollo in data 20.10.2016 a valere dal 20.10.2016.

2) Bisognava provvedere alla sua sostituzione e quindi stipulare un nuovo contratto con altro soggetto.

3) Giunge al protocollo in data 24.10.2016 il curriculum di Giada Patrizi, con esperienza maturata nel comune di Montereale presso l’UFFICIO SISMA, ove il nostro Sindaco è funzionario responsabile dell’area sisma.

4) Stesso giorno dell’arrivo del curriculum 24-10-2016 il Sindaco CONFERISCE L’INCARICO di collaborazione coordinata e continuativa (categoria C1) a Giada Patrizi.

Tutto legale, il Sindaco in deroga PUO’ CONFERIRE L’INCARICO.

Cari Cittadini noi crediamo che oggi, essere nella legalità non basti, agli uomini politici è richiesto un comportamento ETICO non a parole ma nei fatti e nei comportamenti.

Ci saremmo aspettati un AVVISO PUBBLICO TRASPARENTE per l’affidamento dell’incarico (co.co.co. Cat. C), con valutazione dei curriculum e delle esperienze dei vari candidati. Questa modalità di selezione, non attuata, avrebbe permesso ai giovani del nostro territorio di partecipare lasciando al Sindaco comunque una scelta discrezionale e fiduciaria in base ai titoli presentati. Rimaniamo convinti che non servono regole più severe e leggi più stringenti, ma solo atteggiamenti “etici” in contrapposizione ad atteggiamenti “interessati” giustificati dall’efficienza e dall’assunto che il fine giustifica sempre i mezzi.

Legge n.208 del 28.12.2015 comma 432 e 433. Conferimento incarico di collaborazione coordinata e continuativa Ing. Giada Patrizi periodo dal 24.10.2016 al 31.12.2016. Decreto_n_30

COERENZA E COMMISSIONE ELETTORALE

scrutatoriCoerentemente con quanto dichiarato qualche mese fa in merito al metodo poco trasparente di selezione degli scrutatori da parte dei consiglieri appartenenti alla commissione elettorale e in linea con i principi di onestà, legalità e trasparenza che sono le colonne portanti del nostro operato all’interno dell’amministrazione comunale, noi del gruppo di minoranza “Insieme per Pizzoli” abbiamo deciso di adottare, per la scelta degli scrutatori che lavoreranno per il referendum del 4 dicembre, una metodologia tutta nuova e innovativa, oserei dire addirittura rivoluzionaria: IL SORTEGGIO! Sarò breve e conciso. Il metodo indicato dalla legge oggi, ossia la “nomina diretta”, non ci piace per niente, dal momento che da la piena e totale autonomia di selezionare persone amiche e compiacenti per tutte le volte che lo si ritiene necessario. Non vi è cura di rispettare una qualsivoglia regola scritta né tantomeno di considerare il diritto di tutti i cittadini a svolgere il proprio dover civile. Questa metodologia ci pare sbagliata a priori, in quanto riteniamo assurdo che non vi sia affatto equità nella selezione di persone che andranno a svolgere nient’altro che un servizio ai cittadini. Un po’ come l’essere consigliere comunale: ricoprire questo ruolo significa svolgere un servizio civile nei confronti del proprio paese e della propria comunità. Niente di più, niente di meno! Non significa nient’altro che questo.

Noi del gruppo di minoranza “Insieme per Pizzoli” riteniamo che la strada da seguire sia quella del sorteggio pubblico. Chiunque sia interessato a partecipare a questa iniziativa può rivolgersi direttamente a me o alla consigliera Katia Dell’Aguzzo, chiedendocelo direttamente, inviandoci un messaggio su facebook o via sms, o inviandoci una mail a gianluca.sette@icloud.com o katia.dellaguzzo@libero.it. Dovranno essere indicati in questo messaggio il nome, il cognome, la data e il luogo di nascita. Non ci sono condizioni particolari, tipo reddito, età, ecc… ma ci sono solo tre piccoli presupposti fondamentali che il cittadino che farà richiesta dovrà rispettare:
1- Dovrà essere un cittadino residente nel comune di Pizzoli;
2- Dovrà necessariamente essere iscritto all’albo degli scrutatori del comune di Pizzoli;
3- Non dovrà essere già stato nominato come scrutatore nelle scorse elezioni.
Il sorteggio avverrà qualche giorno prima della riunione della commissione elettorale e provvederemo noi consiglieri di minoranza a informare i cittadini sulla data e il luogo dell’estrazione. Io Gianluca Sette come rappresentante in commissione elettorale della minoranza rinuncio al privilegio di nominare gli scrutatori ed estrarrò a sorte sia i nominativi degli scrutatori ufficiali, sia i nominativi dei supplenti, i quali subentreranno in caso di assenza o rinuncia dei primi. Questo rivoluzionario approccio messo in atto per adesso solo dalla minoranza, lo abbiamo proposto attraverso una mozione al consiglio comunale. Speriamo che il gruppo di maggioranza e il Consigliere Francesco Moretti delegato nella commissione elettorale, possano condividere questa scelta che sicuramente consentirà una procedura più trasparente e più equa. Abbiamo semplicemente intenzione di aggiungere un piccolo ma significativo passaggio in modo tale da permettere a tutti di poter partecipare attivamente. Allego per conoscenza l’interrogazione citata nel testo. Nella speranza che sia tutto chiaro e che l’amministrazione abbia intenzione di discutere il tutto in consiglio, se mai un consiglio ci sarà, vi auguro una buona giornata.
Consigliere Gianluca Sette.

MOZIONE