Articolo del Consigliere Gianluca Sette “CHI HA SBAGLIATO PAGHI!”

DEBITO

Buonasera a tutti. In data 17 novembre 2015 si è tenuto l’ultimo consiglio comunale e, come di consuetudine, mi sono concesso una quindicina di giorni per pensare e scrivere una nota in merito ad un punto all’ordine del giorno. Il passo che vorrei discutere con voi oggi, riguarda la questione numero tre: rinegoziazione mutui con Cassa DD.PP. S.p.A.
Di che cosa si è discusso due martedì fa, è un qualcosa che mi lascia basito ed indignato di fronte alla mancanza di lungimiranza e buona coscienza che i vari amministratori che si sono succeduti nel corso degli anni hanno avuto nei confronti della spesa pubblica. Cercherò di spiegarmi meglio, dati alla mano, in modo tale da non dover lanciare insensate critiche senza un fondamento apparente. Fino a due settimane fa, il debito pubblico del Comune di Pizzoli nei confronti dei creditori ammontava esattamente a 669.845 euro, capitale più interessi. Allo stato attuale delle cose, dopo la rinegoziazione appunto, il debito è aumentato esattamente a 837.276 euro, capitale più interessi. Rinegoziando il debito l’amministrazione ha abbassato la rata sul mutuo, aumentando gli interessi di 167.431 euro, portandola la rata stessa da circa 67.000 euro a circa 34.000 ,rimpinguando le tasse comunali di circa 100.000 euro in tre anni ma prolungando inevitabilmente la durata del debito, portandola all’ipotetica estinzione non più al 2025 ma al 2040.
Bene, 2040. Facendo altre due piccole operazioni matematiche, visto che la matematica non è un’opinione e siamo in tema di conti, io che sono nato nel 1990 nel 2040 avrò la bellezza di cinquant’anni tondi tondi, il doppio dell’età che ho adesso. Praticamente se ricominciassi da zero vivrei esattamente un’altra vita, ma qui entriamo nel tema della metafisica quindi non esageriamo! Sarò senza dubbio un bellissimo uomo di mezza età, con una bella testa pelata e una rotonda pancia cicciona, questo si, ma il discorso purtroppo non riguarda il mio aspetto fisico ma i soldi che dovrò esborsare, e come me tutti i cittadini del comune di Pizzoli, per altri venticinque anni. La cosa che mi indigna più di tutte però non riguarda la mia generazione o le generazioni passate bensì le generazioni future. I miei figli e i figli dei miei figli si troveranno a dover pagare la totale assenza di buon senso dei nonni del loro nonni. Non è già abbastanza frustrante nascere con il peccato originale, dobbiamo necessariamente dare alla luce figli che abbiano anche il “debito pubblico originale”? È proprio vero che gli errori dei genitori ricadono sui figli! Io credo che le aspettative di un buon padre di famiglia rispetto alla prole siano proprio quelle di lasciare un mondo migliore e più salubre ma, man mano che vado avanti con gli anni, mi rendo sempre più conto che l’uomo, a causa del suo egoismo, avidità e insulso senso di onnipotenza, riesce a distruggere tutte le infinite bellezze che la natura ha da offrirgli. Mi riferisco all’arte, all’amore, ai fiumi, ai mari, agli animali, a tutte quelle cose che sono il fondamento stesso di una società bella e in salute. A questo mi chiedo, anzi vi chiedo: ma vogliamo davvero lasciare un mondo così corrotto ed autolesionista ai nipoti dei nostri figli o vogliamo tutti impegnarci affinché la nostra società si muova sempre di più verso una situazione di automiglioramento? Io personalmente non mi sento assolutamente responsabile delle scellerate scelte che hanno portato a questo default finanziario. Chi ha sbagliato paghi! Io personalmente però mi sento in dovere di consigliare, in quanto consigliere, qualche lungimirante, a mio parere, azione di investimento. È sulla bocca di tutti in questi giorni la conferenza sul clima tenutasi a Parigi. A proposito di automiglioramento, io penso sia un’ottima idea quella di investire questo denaro che pagheremo in quindici anni in più di debito in un ammodernamento dell’efficienza energetica delle strutture comunali. In questo modo io penso che nel giro di venticinque anni avremmo ripagato l’investimento fatto e avremmo guadagnato molto in termini economici e di salute, diventando ancor di più un paese all’avanguardia in termini di qualità della vita. Questa è solo una delle tante proposte che si possono fare in termini di efficienza ambientale ed io auspico più che mai che il Comune di Pizzoli e l’amministrazione Anastasio abbiano intenzione di muoversi in questa direzione. Spero altresì che si trovino i colpevoli di questa nefandezza. Ripeto, chi ha sbagliato paghi e paghi perché chi è causa del suo mal, ed in questo caso anche del male altrui, pianga se stesso!
Consigliere Gianluca Sette