ECO-CONSIGLI DAL BIO-CONSIGLIERE (Gianluca Sette)

1È successo qualche giorno fa che un mio caro amico, anch’egli amante della natura e delle passeggiate nei boschi, mi segnalò la presenza di due grandi discariche a cielo aperto nei pressi di San Lorenzo, esortandomi a segnalare il problema e, ovviamente, a risolverlo. Di li a poco ci siamo recati nelle zone incriminate, per chi è pratico del paese faccio riferimento a due siti posizionati rispettivamente a destra e a sinistra della parte alta di via Arischia, la via che da San Lorenzo collega la frazione aquilana. Lo spettacolo che ci si è prospettato dinanzi agli occhi e che è stato documentato attraverso delle foto, rappresenta uno dei più grandi esempi di inciviltà e maleducazione a cui abbia mai assistito. È inconcepibile come nel 2016, in un comune nel quale è presente uno dei più vasti e importanti centri di raccolta dei rifiuti di tutto l’aquilano, il quale addirittura offre un servizio del tutto gratuito, la gente si ostini ancora ad avere comportamenti così incivili. Lo sgomento maggiore, però, è legato all’ingente quantitativo di eternit presente in uno dei due siti. Come tutti sapranno questo materiale può, in alcuni casi, essere molto pericoloso per la salute dell’uomo ed è imperativo che l’area a cui faccio riferimento in questo artico venga bonificata al più presto. A questo punto è stata mia premura scrivere una richiesta di verifica, sopralluogo e pulizia immediata delle suddette aree, la quale è stata oggi stesso protocollata e consegnata al sindaco e all’assessore all’ambiente. Sarà, invece, mio onere quello di seguire personalmente questa vicenda, organizzare una strategia condivisa e lavorare attivamente per la bonifica di queste due discariche a cielo aperto.

Chi mi conosce sa benissimo quanto mi stiano a cuore le questioni ambientali e quanto sia importante per me cercare di sensibilizzare al massimo le persone che mi sono vicine al rispetto della natura. Rendiamoci conto che dobbiamo iniziare ad immaginare un mondo nuovo, un mondo verde. Iniziamo a prendere coscienza di quanto l’uomo nell’ultimo secolo abbia devastato la natura, di come sia riuscito con la propria incuria e sete di danaro a distruggerla. Pensiamo un attimo al fatto che non nevica più, che non piove più quando dovrebbe e che quando non dovrebbe piove più di quanto dovrebbe. “Il problema idrogeologico” è causa dell’uomo. Pensiamo un attimo che fa caldo quando dovrebbe fare freddo e che fa freddo quando dovrebbe piovere e che piove quando dovrebbe nevicare e che non nevica più! Lo so, non ci si capisce niente… come non ci si capisce più niente con questo clima strano!

Concludo esortando tutti i cittadini ad essere un pochino più responsabili e rispettosi dell’ambiente. Invito tutti a differenziare al meglio i rifiuti prodotti e, quando non è possibile fare ciò, a recarsi al centro di raccolta dei rifiuti di Pizzoli, ripeto, uno dei più importanti dell’intero aquilano (http://www.aciam.it/…/impia…/centro-raccolta-di-pizzoli.html). Prego l’amministrazione di essere più vigile, per quanto possibile, e a punire severamente i trasgressori delle regole. Invito infine tutti i cittadini a denunciare gli incivili perché la natura è un bene di tutti.

Allego le foto della incriminate discariche e della richiesta consegnata e protocollata oggi in comune.

Vi ringrazio per la cordiale attenzione,
bio-consigliere Gianluca Sette.

11

2

3

5

68