Si chiedono ancora sacrifici per il 2016

EQUILIBRIO BILANCIO

Riteniamo necessario informarvi e farvi comprendere quale sia la situazione finanziaria attuale del Comune di Pizzoli, illustrandovi il bilancio di previsione 2016.

Come qualcuno ci ha ricordato, il limite invalicabile per l’informazione è “l’attendibilità e fondatezza delle notizie divulgate” per mantener fede a ciò parleremo essenzialmente di fatti e riconfermeremo le cifre di cui vi abbiamo già parlato.

Prendiamo atto che nel bilancio di previsione 2016 si è raggiunto un equilibrio di bilancio che trova fondamento essenzialmente su maggiori entrate derivanti dall’aumento di (IMU,TASI,TARI,TOSAP) oltre all’introduzione per la prima volta nel nostro Comune,  dell’addizionale comunale IRPEF avente un gettito di 220.000 euro annui. (imposte e tasse introdotte già a partire dal 2015).

In aggiunta nel 2016 avremo un ulteriore aumento delle aliquote TARI (Tassa sui Rifiuti) dell’8,5%. A questa pressione fiscale, si aggiungerà un piano triennale di rientro per 160.000 euro annui, per reintegrare i fondi della ricostruzione privata impropriamente utilizzati per un ammontare di 480.000 euro. Questi fondi destinati alla ricostruzione privata non furono vincolati nel bilancio del 2011 e furono impropriamente spesi tra il 2012 e il 2015.

Ad aggravare la situazione debitoria, accertiamo un’ uscita di 70.000 euro per transazioni e spese legali accumulatasi negli anni e 75.600 euro per eventuali transazioni future. Il programma triennale delle opere pubbliche inserito nel bilancio, non prevede nessuna opera da realizzare per i prossimi tre anni. Nel documento unico di programmazione (DUP), analizzando la parte operativa, possiamo dirvi che sono confluiti più fondi per le attività culturali, per l’Agenda digitale locale, per l’arredo urbano e verde pubblico, ma non conosciamo ne i progetti, ne gli obiettivi, ne i tempi che l’amministrazione per queste missioni vuole raggiungere in quanto il DUP è carente di progettualità. In un momento di grande difficoltà economica per le famiglie e le imprese ci spiace constatare che ancora una volta siamo chiamati a fare sacrifici.

BILANCIO  DI  PREVISIONE  2016 ALCUNI DATI

UN CAPITOLO DI SPESA CHE IN TRE ANNI DOVRA’ RECUPERARE 480.000,00 euro.

intervento Entrate TRIBUTARIE MAGGIORI-1

Entrate TRIBUTARIE MAGGIORI-2

Entrate TRIBUTARIE MAGGIORI-2